Salute

Conosci la differenza tra Filtri Fisici e Filtri Chimici?

I solari rappresentano i cosmetici estivi che non dovrebbero mai mancare in nessuna borsa mare.

Una giusta protezione solare ci aiuta a proteggere la nostra pelle dalle radiazioni ultraviolette emesse dal sole.

Bisogna fare attenzione però, perché non tutti i solari sono uguali: le differenze possono riguardare molti aspetti, ma la più sostanziale riguarda proprio il meccanismo di azione. Ovvero se proteggono la pelle tramite “assorbimento” e “dispersione” oppure tramite “rifrazione”, in altre parole se agiscono tramite filtri di tipo chimico o fisico.

La protezione solare può essere in crema, olio, gel, o spray, l’importante che sia in grado di proteggere la nostra pelle dai raggi UV.

L’efficacia e la sicurezza dei cosmetici con protezione solare si basa sul tipo, sulla quantità delle molecole-anti UV contenute. Ogni crema solare presente sul mercato deve rispettare precisi requisiti di legge e superare una serie di test che garantiscano la protezione da UVA e UVB e che servono per determinare l’SPF dichiarato.

Cosa sono i filtri fisici?

I filtri fisici, anche detti inorganici, hanno proprietà schermanti. Si tratta di sostanze che, grazie alla loro opacità, oppongono un vero e proprio schermo alle radiazioni UV. Sono formati da piccole particelle minerali in grado di riflettere i raggi solari, per cui questi non possono più raggiungere la cute. A differenza dei filtri solari chimici, non trattengono il calore né penetrano nella pelle. Inoltre non vengono scomposti, non interagiscono e non vengono alterati né danneggiati dalle radiazioni solari. Sono in grado di respingere sia le frequenze UVA che quelle UVB.

In pratica sono come degli specchi e ci proteggono dalle radiazioni dannose tramite un meccanismo di riflessione/diffusione. Le radiazioni solari vengono riflesse o diffuse e non assorbite dalla superficie cutanea. Non provocano quindi surriscaldamento della pelle anzi la proteggono efficacemente.

Cosa sono i filtri chimici?

I filtri chimici o filtri organici sono sostanze di sintesi in grado di catturare l’energia delle radiazioni UV per evitare che queste raggiungano e danneggino le cellule dell’epidermide e del derma. Assorbono in modo selettivo le radiazioni UVA e UVB, agendo su lunghezze d’onda diverse. Alcuni assorbono solo i raggi UVA corti, altri solo gli UVB, altri ancora sia gli UVA lunghi che corti.

Queste molecole una volta assorbite, scompongono le radiazioni del sole, trattengono l’energia per poi rilasciarla sotto forma di calore. Questo, di fatto, aumenta la sensazione di caldo provata sulla pelle.

I filtri solari chimici hanno il vantaggio di essere più economici, più facilmente lavorabili e di consentire la realizzazione di cosmetici più confortevoli per l’utilizzatore, più leggeri e facilmente spalmabili.

Il loro limite principale però è rappresentato proprio dal fatto che possono dare irritazioni, fototossicità e sensibilizzazioni, assorbendo l’energia solare.

Quindi quale solare scegliere?

Il solare ideale deve avere i seguenti requisiti:

  • Offrire una efficace protezione da radiazioni UVA e UVB
  • Essere resistente all’acqua e al sudore
  • Essere facile da applicare e da spalmare
  • Essere foto-stabile e termostabile
  • Essere sicuro ed efficace
  • Non contenere sostanze allergizzanti
  • Contenere filtri fisici

 

Lascia un commento